Siamo chiusi al pubblico ma vengono garantite le spedizioni della merce disponibile. Per comunicazioni urgenti potete Chiamare il numero +39 392 67 05 403

Grande attesa per i saldi invernali 2020. Ci siamo!

Come ogni anno, i saldi rappresenteranno un’occasione molto conveniente per commercianti e acquirenti. Da un lato i commercianti si potranno disfare delle rimanenze, dall’altro i consumatori potranno acquistare dei capi a un prezzo scontato.

Saldi invernali 2020, le date regione per regione

La data di inizio sconti in tutta Italia è il 5 gennaio – quando siamo ancora in clima di Feste quindi -mentre ogni regione ha scelto una data differente per la fine dei saldi invernali 2020. Ecco quali sono.

Abruzzo: dal 5 gennaio al 5 marzo 2020
Basilicata: dal 5 gennaio al 1 marzo 2020
Calabria: dal 5 gennaio al 28 febbraio 2020
Campania: dal 5 gennaio al 2 aprile 2020
Emilia – Romagna: dal 5 gennaio al 5 marzo 2020
Friuli Venezia Giulia: dal 5 gennaio al 31 marzo 2020
Liguria: dal 5 gennaio al 18 febbraio 2020

Lazio: dal 5 gennaio al 28 febbraio 2020

SCOPRILI QUI

Lombardia: dal 5 gennaio al 5 marzo 2020
Marche: dal 5 gennaio al 1 marzo 2020
Molise: dal 5 gennaio al 4 marzo 2020
Piemonte: dal 5 gennaio : dal 28 febbraio 2020
Puglia: dal 5 gennaio al 28 febbraio 2020
Sardegna: dal 5 gennaio al 4 marzo 2020
Sicilia: dal 5 gennaio 2020 al 15 marzo 2020
Toscana: dal 5 gennaio al 15 marzo 2020
Veneto: dal 5 gennaio al 31 marzo 2020
Valle d’Aosta: dal 5 gennaio 2020 al 31 marzo 2020
Trentino Alto Adige: dal 5 gennaio al 16 gennaio 2020
Umbria: dal 5 gennaio al 4 marzo 2020

Ma cosa c’è da sapere prima di muoversi?
Leggere bene i cartellini (senza dimenticare i controlli incrociati). Che cosa significa nella pratica dell’acquisto? Significa innanzi tutto che i cartellini devono essere trasparenti e riportare il prezzo di partenza, quello di arrivo e la percentuale di sconto. Nei primi giorni o nella prima settimana, i saldi potrebbero essere fino a un massimo del 30 o del 50%, percentuale che potrebbe salire mano a mano che ci si avvicina alla data di fine saldi. Se non conoscete il negozio, diffidate di chi effettua percentuali molto alte fin da subito.

I vestiti andrebbero comunque provati sempre, per evitare acquisti sbagliati. Ma in periodo di saldi non si sa mai: alcuni commercianti non effettuano il reso o lo effettuano magari in giornate in cui noi non siamo disponibili a effettuare il cambio. Meglio pensarci prima quindi.

Annusare i vestiti. Questo vi sembrerà insolito e disgustoso, ma è importante. Si potrebbero infatti verificare un paio di situazioni limite. Nella prima, un po’ più diffusa, l’abito che volete comprare è stato preso da qualcuna, indossato e riportato al negozio senza essere lavato. Il capo potrebbe quindi aver assunto l’odore della persona che l’ha indossato o magari del suo deodorante o profumo. Certo, lo possiamo sempre lavare, ma non è piacevole già solo l’idea. Inoltre il capo potrebbe essersi rovinato durante tutto il processo. Nella seconda di queste situazioni, è possibile che il commerciante abbia conservato da un anno all’altro capi della collezione precedente: in questo caso, annusandoli avvertirete abbastanza chiaramente la naftalina.

Controllare i vestiti. Anche questa è buona norma sempre: prima dell’acquisto controllate che i vestiti siano assolutamente integri, che abbiano tutti i bottoni, che non presentino strappi e che contengano l’etichetta con le informazioni di lavaggio e stiratura.

Non lasciarsi trasportare dall’entusiasmo. In periodo di saldi, compriamo tante cose che alla fine talvolta non usiamo nemmeno. L’acquisto del letto o materasso in saldo può rivelarsi un occasione utile e conveniente! 

Carta di credito e garanzia. Ricordate sempre che gli acquisti in saldo possono sempre essere effettuati con il Pos e hanno una garanzia di due anni.

 


Emanuele

No description.Please update your profile.

1
×
Ciao,
Come possiamo aiutarti?