Siamo chiusi al pubblico ma vengono garantite le spedizioni della merce disponibile. Per comunicazioni urgenti potete Chiamare il numero +39 392 67 05 403

Workcation o semplice passione?

Il protagonista di questo articolo è Stefano Autuori che in una pausa vacanziera ha condiviso con gli amici della sua pagina Facebook l’esperienza di dormire su materassi di qualità negli alberghi in giro per il mondo. Stefano oltre ad essere il titolare dei negozi di materassi Autuori a Roma e del circuito RomaMaterassi si rivela essere anche un appassionato del settore del Bedding sempre ed ovunque, ma sarà solo passione?

Secondo un sondaggio pubblicato su Washington Examiner il 63% fra manager ed imprenditori ha rivelato di essere produttivo anche in malattia, il 70% di rimanere attivo nel weekend e il 32% di lavorare addirittura in bagno, mentre il 39% sarebbe disposto a lavorare persino in vacanza. “Spesso, anche a causa delle incertezze generate dalla crisi, il lavoro è visto come una priorità assoluta. Tutti gli altri interessi e le altre attività rischiano così di scivolare in secondo piano: a cominciare proprio dalle vacanze” spiega la psicoterapeuta Rosa Mininno.

Il “workcation”, o “workation”, letteralmente Working On Vacation, un’evoluzione del workaholism è un fenomeno di cui soffrono molti tutto l’anno e consiste nell’incapacità di separare lavoro da vita privata. Spesso si inizia con una semplice passione per il proprio lavoro, ma con il tempo, le ore si moltiplicano fino ad occupare i weekend, la sera, i giorni di festa. Si inizia a rinunciare alla famiglia, agli affetti, al tempo libero. E se è costretto a staccarsi dal lavoro per andare in ferie, il workaholic ha sintomi da crisi di astinenza: è irritato, ansioso e non riesce a pensare ad altro.

Il lavoro non andrebbe abbandonato di colpo: “la terapia d’urto va assolutamente evitata”, spiega Andrea Castiello d’Antonio, professore straordinario di psicologia clinica e del lavoro all’Università Europea di Roma, “privare totalmente di lavoro un work addicted ha degli effetti traumatici”. Il rischio è che la persona abbandoni le vacanze per tornare subito al lavoro.

Escludendo la patologia e senza mettere in dubbio lo stacanovismo di Stefano e la sua passione per il settore, dalle foto della sua vacanza pubblicate nel social network è palese il relax ed il meritato riposo che si sta godendo – esaltato dai migliori sonni offerti dai materassi Simmons Elite distribuiti in tutto il planisfero – come testimonia anche il suo post.

 


Emanuele

No description.Please update your profile.

1
×
Ciao,
Come possiamo aiutarti?