considerazioni commerciali

Cuscini per Barche Camper Roulotte

Arriva la bella stagione e come ogni anno emerge l’esigenza del comfort #outdoor. Dalle sedute delle panchine in giardino, alle panchette nelle roulotte, ai materassi personalizzati per camper e soprattutto per le imbottiture e cuscinature per barche e yacht.

Sfruttiamo il post su #facebook di un nostro cliente in cui ci ringrazia per la realizzazione del suo nuovo “compagno comodoso” per l’estate 2019, per ricordare la nostra produzione artigianale per le vostre esigenze di arredo d’esterno.

  

Ogni paese del mondo ha la sua dimensione …di letto

Ogni Paese ha standard diversi per le dimensioni dei propri letti e termini diversi per categorizzarli.

Negli Usa, per esempio, i letti sono notoriamente enormi: le versioni più diffuse sono “single” (90×190 cm) “king” (152×198) o “queen” (180×200). In Italia sono molto più piccoli: una piazza (80×190), una piazza e mezzo (120×190) o due piazze (160×190). In Francia la dimensione più comune per un letto per due persone è 140×190, infatti in Italia la si chiama anche “piazza francese”, mentre in Giappone e Nuova Zelanda hanno standard diversi.

Wikipedia ha una guida molto esaustiva alla voce “bed size“: partendo da lì Nathan Yau, uno studioso di statistica laureato alla UCLA, ha realizzato questo grafico, postato sul sito Flowing Data.

Letti dimensioni standard mondo

Di fatti si tratta di una guida per anglofoni sul che genere di letti aspettarsi quando si viaggia per il mondo: infatti le dimensioni dei letti sono catalogate secondo la suddivisione anglo-americana “single”, “king” e “queen”, anche se dal grafico si capisce che ogni area geografica ha un’idea ben diversa sulle dimensioni standard. Inoltre tutta l’Europa continentale è considerata un’unica categoria.

Letto contenitore – caratteristiche e varianti del mobile più diffuso

Il letto contenitore è un mobile che si è oramai imposto in modo notevole sul mercato

Pur trattandosi di un elemento d’arredo piuttosto “giovane”, infatti, è più che diffuso, anzi con ogni probabilità oggi è più difficile riuscire a trovare un letto privo di contenitore piuttosto che un modello che vanta questa utile caratteristica.

Il letto con contenitore: ideale per ottimizzare gli spazi
Il letto, si sa, è un mobile molto ingombrante, di conseguenza riuscire a sfruttare al massimo la sua superficie non può che essere molto positivo se si vogliono ottimizzare gli spazi.
D’altronde è sempre più frequente che le abitazioni presentino delle metrature piuttosto ristrette, dunque la necessità di impiegare in modo razionale ogni singolo metro quadro è quanto mai attuale.
Il letto con contenitore è un mobile che risponde a quest’esigenza in maniera ottimale, e la sua presenza è destinata a rivelarsi davvero provvidenziale per quel che riguarda appartamenti come monolocali e bilocali, sempre più diffusi nei più grandi centri urbani.
Ovviamente questi particolari letti non si rivolgono esclusivamente agli ambienti domestici: il loro impiego non può che essere consigliabile anche in hotel e strutture ricettive di altro tipo.

Qual è l’utilità del letto con contenitore
Dal punto di vista pratico, dunque, che cos’è il letto contenitore?
Un letto con simili caratteristiche è progettato affinché il vano situato sotto al materasso possa essere utilizzato come una sorta di grande cassetto in cui riporre tutto ciò che si desidera, includendo anche oggetti piuttosto ingombranti.
Se ci si chiede cosa si può conservare in un letto di questo tipo, le possibili risposte possono essere tante: il letto con contenitore è perfetto per “accogliere” accessori riguardanti il medesimo mobile, come possono ad esempio essere delle coperte, dei cuscini, dei lenzuoli.
Lo spazio presente nel letto si presta in modo ottimale ad essere utilizzato per conservare capi d’abbigliamento di ogni tipo, dai maglioni alle scarpe, dalle magliette all’intimo, nel caso in cui il letto venga collocato nella cameretta di bambini e ragazzini, inoltre, il suo contenitore interno sa essere la “casa” ideale per i giochi e giocattoli di ogni tipo, degli oggetti sicuramente importantissimi per il divertimento e per la crescita dei più piccoli, ma che hanno un ingombro tutt’altro che indifferente.
Al tirar delle somme, se in camera da letto si sceglie di utilizzare un letto con contenitore piuttosto che un letto tradizionalmente inteso è possibile rinunciare alla presenza di uno o più mobili adibiti esclusivamente a contenitore.
Non sono affatto una rarità i casi di persone che, optando per un letto di questo tipo, sono riuscite a fare a meno addirittura di un armadio, guadagnando così tantissimo spazio nei loro ambienti interni.

guarda la nuova collezione 2019

Letti con contenitore: non solo modelli matrimoniali
Può essere utile chiedersi in quale stanza può essere collocato un letto con contenitore, e anche da questo punto di vista non bisogna porre alcun limite.
Se ci si chiede quale sia la tipologia di letto con contenitore più diffusa si può indicare senza esitazioni il letto matrimoniale, d’altronde un letto di simili dimensioni sa garantire un guadagno di spazio assai consistente, sarebbe tuttavia un errore trascurare i letti di diversa grandezza.
Oggi anche i letti singoli vengono prodotti sempre più frequentemente in questa variante, senza affatto escludere, come detto, i letti dedicati ai più piccoli; anche letti con misure intermedie, come possono ad esempio essere i letti ad una piazza e mezzo, oppure i cosiddetti letti alla francese, si possono acquistare nella versione munita di contenitore.
D’altronde perché rinunciare a questa comodità in un letto più piccolo rispetto a quello matrimoniale? Anche in questi casi il risparmio di spazio è a dir poco consistente.

Tipologie di letto con contenitore: il sommier
Abbiamo dunque chiarito che il letto contenitore associa alla sua funzione principale un comodo e capiente spazio interno, ma come è possibile accedervi? Da questo punto di vista è possibile distinguere diversi modelli.
I letti con contenitore più diffusi sono senza nessun dubbio quelli che consentono di sollevare il materasso e i suoi supporti in modo da avere accesso al vano: basta un semplice gesto, quindi, per poter riporre o prelevare qualsiasi articolo dall’interno del mobile, dunque questa soluzione non pecca certamente in praticità.
I letti con contenitore di questa tipologia sono definiti letti sommier, e sono oramai divenuti una “colonna” in tutte le collezioni di arredi dedicati alla camera da letto.
I letti sommier possono essere scelti anche in altre varianti: mentre nella grande maggioranza dei casi l’apertura di questi mobili è frontale, quindi il materasso e le sue doghe vanno sollevati dall’estremità anteriore del letto, vi sono anche dei sommier con apertura laterale.
I letti con contenitore dotati di apertura laterale sono assai spesso dei modelli singoli, oppure dei letti dedicati a bambini e ragazzini: questo tipo di alzata è effettivamente molto adatta a modelli con caratteristiche simili.
Alcuni letti sommier inoltre prevedono delle particolari strutture grazie a cui il supporto del materasso può essere sollevato senza dover essere piegato, bensì restando perfettamente orizzontale.
Questo sistema è molto apprezzato per la sua praticità e sa rivelarsi utile anche per il compimento di tante piccole operazioni, come ad esempio il cambio delle coperte o semplicemente la quotidiana sistemazione del letto.

I letti con contenitore a cassetti laterali
In commercio vi sono anche dei letti con contenitore strutturalmente molto diversi dai sommier, i quali tuttavia rappresentano oramai una minoranza esigua.
I letti contenitore in questione presentano infatti dei piccoli cassetti laterali, i quali possono essere aperti secondo il classico sistema a scorrimento.
Anche questi letti sanno essere molto utili per l’ottimizzazione degli spazi in camera da letto, tuttavia la loro capienza interna è sicuramente inferiore rispetto a quella dei sommier di analoga misura, senza trascurare il fatto che chinarsi per far scorrere dei cassetti posizionati in prossimità del pavimento può rivelarsi difficoltoso per alcune persone.

Letti con contenitore e design
Se si parla dei letti con contenitore che cosa si può dire relativamente al design?
Un grande punto di forza di questi mobili dotati di quest’utilissima caratteristica corrisponde al fatto che la loro estetica non è correlata in nessun modo a tale peculiarità funzionale: quando un letto sommier è chiuso, infatti, non si può in nessun modo comprendere se si tratta di un letto con contenitore o, al contrario, di un letto privo di spazi interni.
Solo i letti con contenitore dotati di cassetti laterali, ovviamente, fanno trasparire questa caratteristica, ma tutti i sommier, a prescindere da quali siano le peculiarità della loro apertura, sono dei mobili estremamente discreti da questo punto di vista.
Se ci si chiede in quali stili possano essere scelti i letti con contenitore, quindi, le possibili risposte sono infinite: questi mobili possono essere scelti tanto in varianti classiche che moderne, sia in modelli semplici che insoliti ed originali nella loro struttura, altrettanto indifferente è il fatto che i medesimi presentino i meno una testata.
L’unica caratteristica strutturale che connota il letto contenitore è rappresentata dal fatto che la sua struttura non sfoggerà mai le tradizionali quattro “gambe”, ma si individuerà bensì un giroletto, dunque delle facciate frontali e laterali che costituiranno le “pareti” esterne del contenitore.
Questo dettaglio, ad ogni modo, è decisamente poco rilevante, dal momento che ormai quasi la totalità dei letti presenti sul mercato si contraddistingue per un giroletto, anche per quanto riguarda i modelli dagli stili classici; la struttura “a 4 gambe” è ormai una peculiarità esclusiva di un’esigua quantità di letti vintage.
Sarebbe davvero un grosso errore, quindi, credere che per assicurarsi questa così utile funzione si debbano accettare dei compromessi in fatto di design.
Non è assolutamente così, come visto, anzi questi letti dotati di comodo vano interno sono del tutto identici a quelli che non presentano tale caratteristica, e non emergono differenze visive neppure tramite un’osservazione molto accurata.

I prezzi dei letti con contenitore
Sulla stregua di quanto detto, non stupisce il fatto che oggi sia possibile trovare sul mercato letti con contenitore dalle caratteristiche più disparate, spaziando da letti molto economici, magari proposti da brand noti per il fatto di praticare prezzi particolarmente vantaggiosi, fino a modelli di livello lussuoso, rivolti dunque a una clientela molto esigente.
Molti consumatori si chiedono legittimamente: ma i letti con contenitore hanno un prezzo più alto rispetto a quelli tradizionalmente intesi?
É razionale pensare che un letto contenitore abbia un costo superiore rispetto a un analogo modello privo di vano interno, in quanto è necessario realizzare, industrialmente o artigianalmente, i meccanismi tramite i quali sollevare la rete e il suo materasso.
In realtà la differenza di prezzo, nella grande maggioranza dei casi, si rivela esigua, dunque non sarebbe affatto corretto credere che il letto con contenitore richieda uno sforzo economico superiore.
D’altronde come detto in precedenza i letti con contenitore rappresentano oramai la tipologia di letto più diffusa in assoluto, di conseguenza non si sta parlando di prodotti esclusivi o proposti esclusivamente da un numero ristretto di aziende.
Potendo godere di una scelta così ampia è possibile individuare soluzioni adatte a tutte le tasche, e la differenza tra modelli con contenitore e letti privi di questa caratteristica strutturale è ormai nulla dal punto di vista dei prezzi.

Fonte

 

Il negozio consigliato dalla pagina Facebook ufficiale Tempur

Siete mai stati così rilassati da provare la sensazione di galleggiare nel vuoto?

I materassi TEMPUR ® si adattano alla forma del vostro corpo offrendovi un sostegno perfetto, come se non aveste peso. Il materiale TEMPUR ®, unico nel suo genere, è morbido dove necessario e rigido nei punti che richiedono maggior sostegno. Scegliete la posizione più comoda per voi, il vostro materasso vi fornirà tutto il supporto necessario a farvi svegliare sempre pronti ad affrontare la giornata.


Oggi, solo pochissimi tra i più importanti scienziati TEMPUR® conoscono l’esatta formula per ottenere questo materiale unico. I materassi vengono prodotti solamente in alcune fabbriche di proprietà, localizzate in territorio danese e americano. Ogni anno, l’investimento in ricerca e sviluppo è superiore a tutti gli altri brand di materassi al mondo, in modo di garantire il miglior riposo possibile. Gli scienziati e gli ingegneri TEMPUR ® lavorano ogni giorno per creare nuovi prodotti e per testare i prodotti già sul mercato, per essere sicuri di garantirvi sempre i più alti standard qualitativi.

Promozioni online 100 notti

Gli insostituibili vantaggi di un centro specializzato

A causa dell’ampia gamma di prodotti  e di tipologie di materassi e a cagione del baccano delle opinioni nel settore è possibile lasciarsi attirare da “astute” promozioni online in cui vengono proposti materassi attraverso l’accattivante motivazione di vendita che offre la possibilità di dormirci sopra per 100 notti e poi…

Cosa c’è di sbagliato in una prova per 100 notti a casa dove posso prendermi il tempo che voglio per provare il mio futuro materasso?

Valutiamo insieme pochi e fondamentali punti delle vendite online, per evitare di essere attirati da richiami mendaci.

  1. La prova del materasso è il primo passo per assicurarci che la portanza e il comfort siano di nostro gradimento. E’ fondamentale un esperto che, attraverso le sue conoscenze, può orientare verso il prodotto più consono alle nostre esigenze.
  2. I materassi venduti  online devono soddisfare le richieste del mercato e di conseguenza devono possedere requisiti di “massa”, senza tener conto delle necessità individuali, come il peso, l’altezza e le preferenze del cliente.
  3. Il concetto del sistema letto viene completamente ignorato, questo riguarda rete, materasso e guanciale e senza un professionista che ci indirizza verso il materasso corretto per il tipo di rete e guanciale, o viceversa, è complicato ricreare il sistema letto ideale online.
  4. La restituzione del materasso è un aspetto da non sottovalutare quando si acquista online. Al momento del reso il materasso è accuratamente ispezionato e deve risultare igienicamente perfetto con l’imballo del materasso perfettamente intatto, se una di queste verifiche risulta insoddisfacente il cliente perde il diritto di reso.
  5. Quando si opta per un materasso in prova per “100 notti” non si ha la possibilità per paragonarlo con altri modelli, di differente portanza o produzione.

Scegliendo il materasso in negozio abbiamo tutti i vantaggi nell’acquistare il prodotto più corretto, troviamo personale preparato nel settore di competenza, abbiamo la possibilità di provare diverse aziende e confrontare i modelli

La zona di Roma riconosciuta come la Casa del Materasso

Quando il concentramento di categorie di settore determina lo status di un quartiere.

La capitale è forse il territorio con maggiore concentrazione di negozi di materassi per numero di abitanti. Se ai centri specializzati “nel dormire” sommiamo anche le catene commerciali, i negozi di arredamento e gli store corner, la presenza merceologica si manifesta assai capillare.

Se analizziamo le ubicazioni degli esercizi nella città di Roma, la distribuzione appare confusa e casuale (così come le proposte). Anche in questo mondo l’improvvisazione estemporanea di esordienti commercianti “al minuto” o la scaltrezza di navigati “impresari delle mode di mercato” condizionano il delicato incontro fra la domanda e l’offerta.

Roma si distingue per essere la città dell’amore, dell’arte e dell’accoglienza. In termini di accoglienza una via capitolina ha dato ospitalità ai più qualificati ed esclusivi esercizi del settore di arredamento e complementi, stiamo parlando di Via Gregorio VII. E’ qui che Autuori srl – con i suoi punti vendita (direzione piazza Carpegna) – non si pone come obiettivo essere ritenuto “la casa del materasso”, ma bensì consegnare il giusto materasso in ogni casa!

Nuovi Materassi Micro-Tech by TEMPUR in Memory

Materassi Micro-Tech™ by TEMPUR® in Memory

Creati dai migliori designer e ingegneri danesi, i nostri materassi offrono la qualità TEMPUR® con una garanzia di 7 anni, per sonni davvero tranquilli e rigeneranti!
I materassi Micro-Tech in schiuma Memory uniscono il materiale unico TEMPUR al comfort in un alto strato di materiali Memory-Tech.

Disponibili in tre feeling – rigido, medio e morbido – i Materassi Micro-Tech by TEMPUR in memory foam rispondono a tutte le esigenze.

CLICCA QUI e guarda nel dettaglio i prodotti 

 

Autuori o Antuori – Quando una vocale confonde l’algoritmo

Il mercato è strano e quello dei materassi non è da meno,

se a questo aggiungiamo – nella stessa città – professionisti nel settore con nomi simili, all’estrosità si associa la confusione. Facciamo chiarezza.

Ad alcuni nostri utenti è capitato di cercare su Google il nome della società proprietaria di questo sito (Autuori), che opera da oltre trent’anni sul mercato, e leggere la correzione circa il possibile errore della parola di ricerca ed il relativo suggerimento a scrivere il nome di un “concorrente/parente” (!?!?) E si, perché il fato volle che nella storia anagrafica di famiglia a qualche avo sbagliarono la trascrizione del nome generando il dittongo “Au” malvisto dagli algoritmi dell’azienda statunitense che offre servizi online.

Ecco svelato l’arcano, la vostra ricerca oltre ad essere corretta è saggia e ben ispirata. Autuori vi aspetta nei suoi punti vendita con soluzioni selezionate con sapienza e l’equipe più qualificata del settore

Materassi “avvelenati” prodotti con sostanza cancerogena

Materassi avvelenati con sostanza cancerogena, in arrivo dalla Germania, la Svizzera ferma produzione e vendita, sono pericolosi per la salute.

Le autorità italiane ancora non si propongono, intanto in Svizzera i produttori hanno fermato la vendita e produzione.

Materassi avvelenati dalla Germania, non è ancora chiaro da cosa può dipendere, si pensa ad un errore nella sintesi del diisocianato di Toluene (Tdi) una sostanza che si usa per fabbricarli.

E’ emersa una nuova allerta sui materassi avvelenati importati dalla Germania, non è chiaro quali possono essere le conseguenze per i consumatori. La notizia è stata pubblicata dal quotidiano tedesco Spiegel. La notizia riporta che sarebbero migliaia i materassi tossici finiti sul mercato.

La Germania non ha ancora capito da dove deriva il problema, la Svizzera preoccupata delle conseguenze per i consumatori ha fermato la produzione e la vendita, in Italia ancora non si hanno notizie in merito.

Si presuppone che il problema sia un errore nato negli stabilimenti della tedesca Basf, una delle più grandi compagnie chimiche al mondo.

Una concentrazione troppo elevata di diclorobenzene nel diisocianato di toluene (Tdi), un composto chimico basilare per la produzione dei materassi. La sostanza è nota come cancerogena, ed è incolore ed inodore.

Il quotidiano tedesco, ha evidenziato che il danno riguarderebbe 7.500 tonnellate di prodotto, un danno enorme, anche se la quantità dei materassi contaminati non è ancora chiara.

L’azione preventiva delle aziende elvetiche è stata immediata, alcune hanno ammesso che potrebbero sussistere conseguenze per la salute e a scopo precauzionale hanno deciso di fermare la produzione.

Stando all’ultimo comunicato da Basf le aziende interessate sarebbero una cinquantina, suddivise fra Europa, Medio Oriente e Africa.

La cosa che lascia perplessi, è che in Italia ancora non si parla di questa emergenza, è importante che le autorità sanitarie approfondiscano le indagini, per verificare se le aziende produttrici o venditrici di materassi siano interessate dal rischio evidenziato dalla stessa casa produttrice Basf.

Fonte

Riportiamo di seguito la dichiarazione della Simmons riguardo la sicurezza e la composizione certificata dei propri prodotti a livello internazionale. I migliori materassi Simmons li trovi a Roma presso lo Store Better SleepLAB di via Gregorio VII 482

Come scegliere il materasso: vademecum per l’acquisto

Dormire bene non è un dogma, ma una regola di vita sana.

Il materasso che permette di alzarsi la mattina in perfetta forma esiste, basta saperlo scegliere! Ecco per i nostri amici un vademecum utile per acquistare il materasso giusto in modo oculato e consapevole.

  1. A causa di una scarsa cultura nazionale in grado di riconoscere al sistema riposo la giusta importanza, il materasso non è vissuto dal consumatore come un oggetto visibile d’arredo. Spesso, si considera – erroneamente – il prezzo troppo alto di un materasso di qualità, dimenticando che viene usato almeno 8 ore al giorno per 10 o anche 15 anni. Basta dividere la spesa per il tempo dell’uso per scoprire che un materasso non è poi così caro!
  2. Risparmiare è importante e si può fare confrontando più offerte, l’importante è non esagerare con la ricerca del prezzo stracciato perché con 100 euro possiamo acquistare un giaciglio ma non un materasso.
  3. Ormai l’offerta di materassi attraverso le vendite televisive è diventata invasiva e pervicace. Bisogna fare attenzione a tutte le spese collegate e spesso non citate, come le voci dei costi di spedizione e di consegna, senza tenere conto che in tv sono presentati sempre modelli da primo prezzo “basici”, poi quando arrivano i “piazzisti” in casa faranno di tutto per rifilare articoli di livello superiore, identica cosa presso i relativi negozi del brand della televendita.
  4. Informarsi sempre sulle tipologie di materassi in commercio (materassi a molle, lattice, memory, poliuretano, gel) è buona abitudine ricercare le schede prodotto e fabbricazione, così come i consigli per la manutenzione ed il lavaggio.
  5. Tenere presente che un modello di materasso base a molle potrà avere un prezzo a partire dai 250 euro per il singolo  fino ad arrivare ai 700 euro del matrimoniale e che tutte le nuove schiume poliuretaniche, in lattice, con micro molleggi hanno importi superiori di almeno 200 o 300 euro per piazza. Nell’ottica di un materasso di qualità 2.000,00 euro rappresenta un investimento realistico.
  6. Prima di acquistare qualsiasi materasso è indispensabile provarlo. Possibilmente cercando di resistere ai condizionamenti “modaioli” o di cedere ad istintive emozioni alla mercè degli apostoli del marketing o dei “tuttologi” nei social,
  7. La prova del materasso è la regola d’oro resa aurea se accompagnata dalla consulenza di un professionista di settore, meglio se ricco di passione per la professione.
  8. Ricordarsi che i materassi godono tutti di una garanzia di due anni e che necessitano di essere girati testa piedi e sopra sotto almeno due volte al mese nei primi 90 giorni.
  9. Il materasso andrebbe cambiato dopo una decina d’anni ed è inutile acquistare un buon materasso se poi lo si abbina su una rete di sostegno vecchia e deformante.
  10. Il concetto quindi è quello del sistema letto composto dal materasso dal supporto idoneo e dal guanciale corretto. E’ utile essere consigliati per valutare quest’ultimo e provarlo sul materasso selezionato

Questo vademecum è proposto dal centro Simmons di Roma di Via Gregorio VII 482 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA QUI

 

1
×
Ciao,
Come possiamo aiutarti?